La dieta del delfino

Come perdere peso e mantenere i risultati nel tempo

Diete_11204.jpg

La dieta del delfino stimola il metabolismo e fa perdere 4-5 chili in un mese, ricorda infatti l’andamento “ondulatorio” dell’elegante mammifero e alterna giornate da 1.400 calorie a giornate da 1.200 calorie. Tutto questo per mantenere attivo il metabolismo e garantire la perdita peso.
Come sa bene chi si è sottoposto a diversi regimi ipocalorici, il difficile non è perdere i primi chili, ma continuare a dimagrire. Il corpo, dopo un paio di settimane, infatti tende a contrastare l’effetto del dimagrimento innescando un meccanismo di autodifesa stabilizzandosi su un certo peso (effetto plateau).
Infatti, all’inizio l’organismo, per fronteggiare la diminuzione energetica, attinge dai grassi di deposito, ben presto questo meccanismo si arresta e il corpo impara ad economizzare i consumi, adeguandoli al nuovo, più limitato, apporto calorico che, se modificato spesso, può ostacolare …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | dieta, calorie, delfino,

Come combattere la cellulite facendo attenzione a questi segnali.

Come combattere la cellulite? Domanda da 1M di Euro. Sappiamo che sbarazzarti della cellulite è tra gli obiettivi che probabilmente ogni anno, verso marzo, ti prefiggi di raggiungere prima della prova bikini.  

Si parla di cellulite nel momento in cui c’è un aumento delle dimensioni delle cellule adipose e un accumulo d’acqua negli spazi tra le cellule. Questa la definizione. Siamo tutte quindi in un modo o in un altro predisposte alla comparsa della fastidiosa buccia di arancia, soprattutto se non facciamo attenzione a questi segnali.

Come combattere la cellulite facendo attenzione a questi segnali

Oltre quindi a visualizzare la nostro Guida definitiva per avere gambe senza cellulite con l’allenamento, in questo articolo troverai 5 punti che puoi facilmente tenere sotto controllo, con un po’ di forza di volontà  

Disidratazione. Sembra un contro senso ma l’acqua che elimina l’acqua è un fatto reale e concreto. Acqua e limone la mattina non ti piace? Ecco le alternative valide

Alimenti non naturali. Merendine, alimenti confezionati, alimenti estremamente elaborati, possono causare la ritenzione idrica e di conseguenza aumentare la possibilità di sviluppare la cellulite. 

Alimenti particolarmente salati. Il sale è forse l’alimento che piange di tutti viene associato alla cellulite. Considera di regolare le quantità di sale che utilizzi quotidianamente nella tua alimentazione e soprattutto di limitare il cibo da asporto. Non sei tu a salare gli alimenti, quindi potresti assumere più sale di quello che pensi. 

Disidratarti. L’acqua che elimina l’acqua non è solo un claim pubblicitario ma una vera a propria realtà. Con questo non vogliamo dirti di allagare lo stomaco con acqua e affini, ma tieni a mente che l’acqua è un elemento non trascurabile del tuo percorso di eliminazione (anche solo parziale) della cellulite. Guida ai sintomi della disidratazione

Rimanere seduta. Hai mai sentito parlare dell’amnesia del gluteo? Ecco non solo rimanere seduta non è l’ideale per la tua salute, ma anche in termini di ritenzione idrica sarebbe meglio che cercassi di muoverti un po’ di più durante il giorno. 

Stare troppo tempo in piedi. Quando rimani troppo tempo in piedi, puoi causare un accumulo di acqua in gambe e piedi, causando gonfiori e agire in maniera negativa sul micro-circolo. 

In linea generale, ti consigliamo di non dannarti eccessivamente per qualche piccolo inestetismo che, in fondo, accomuna tutte noi. Nei casi più gravi ti suggeriamo di rivolgerti ad uno specialista del settore. 

Perché mangiare le fragole? Scopri di più 

Ci siamo, è arrivato il momento di mangiare le fragole! Se ancora non sei convito e vuoi saperne di più ecco perché e come mangiare le fragole. 

Cosa sono le fragole?

Dal punto di vista botanico, le fragole sono le estremità allargate della pianta di fragola e le piccole sono in realtà i frutti. Tuttavia l’intero cuore rosso ricoperto di semi gialli è comunemente considerato il frutto. 

Perché mangiare le fragole? 

Da un punto di vista nutrizionale, ecco i dati per 150 grammi di fragole: 

  • 48 calorie
  • 1 g di proteine
  • 1 grammo di grassi
  • 11,5 grammi di carboidrati
  • 3 grammi di fibra
  • 7 grammi di zucchero

Le fragole sono ricche di flavonoidi, folati e antociani, che sono stati correlati ad una migliore salute del cervello

Ricche di vitamine e antiossidanti aiutano a combattere i radicali liberi e danni dello stresso ossidativo, che può portare a problematiche di varia natura in particolare all’apparato cardiovascolare. 

Sono fonte di ferro come altre tipologie di alimenti come gli spinaci e la quinta e per questo importantissime per i vegani e i vegetariani. 

Come mangiare le fragole?

Le fragole ci piacciono sempre e comunque. Al naturale  sono davvero il top. 

Tuttavia ci piace anche variare, e aggiungere le fragole ai piatti che porti in tavola oppure in una box, può alzare il livello di pranzi, cene e spuntini. 

Risotto alle Fragole per una ricetta afrodisiaca. L’abbiamo presentata qualche anno fa, ed è un must per una ricetta con il giusto mix tra romanticismo e passione.

Spuntino. Certo, le fragole sono uno spuntino veramente facile da portare dietro. Tuttavia per uno spuntino veramente equilibrato puoi provare ad abbinarle ad un uovo sodo, così da apportare il giusto mix di nutrienti alla tua pausa.

Frullati ed estratti. In questo caso le fragole sono un vero e proprio jolly. Il trucco numero uno per utilizzare le fragole per frullati ed estratti è quello di congelarle per poi utilizzarle all’occorrenza.

Insalate. Qualcuna forse storcerà il naso, altre già hanno un mente una ricettina, ma il modo migliore è quello di tagliarle a fettine e mixarle ad un po’ di rucola,fiocchi di latte e quinoa. Un po’ di pepe ed olio e il gioco è fatto.

Torte e dolci fit e non. Diciamo che siamo sempre nell’ambito di spuntini e colazioni, però a chi non è mai capitato di fare un tortino fit con aggiunta di fragole? Oppure avete già provato a fare il nostro tiramisù light alle fragole? 

Ricetta tiramisù light alle fragole
Ricetta tiramisù light alle fragole

Come sostituire gli alimenti per dimagrire e diminuire le calorie

Come sostituire gli alimenti per dimagrire senza perdere il gusto? Sappiamo tutti che l’alimentazione è una parte fondamentale del nostro percorso verso il dimagrimento ma anche verso un benessere generale.
L’apporto eccessivo di calorie non solo porta a guadagnare peso in eccesso, ma ha senz’altro delle conseguenze negative sulla salute in genere.

Ecco le sostituzioni facili e veloci che puoi mettere in pratica se il tuo obiettivo è quello di perdere peso in eccesso e vivere meglio.
Ti ricordiamo che quelli di seguito sono consigli generici. Per tanto, ricorri ad uno specialista del settore nel caso dovessi avere problematiche di salute o legate al peso in eccesso, in cui è necessario coinvolgere l’alimentazione

Come sostituire gli alimenti per dimagrire senza perdere il gusto?

Come sostituire il cappuccino.
Il piacere di bere un cappuccino risiede principalmente nella cucchiaiata finale di schiuma caffellatte. E’ inutile dire che il mix di caffè e latte aggiunge calorie alla tua alimentazione. Ti consigliamo di switchare alla soluzione caffè amaro, che senz’alto prevedere l’ingestione di un numero inferiore di calorie.

Ricetta fit brioches fatte in casa al farro

Come sostituire lo yogurt alla frutta
Diciamo che ricorrere allo yogurt, è un mezzo che tutti i fitnesslovers usano per aggiunger un pizzico di dolce al loro piano alimentare. Ecco, se hai la necessità di dimagrire per sbarazzarti del peso in eccesso, potresti provare lo yogurt bianco invece di quello alla frutta.

Yogurt tradizionale e Yogurt greco: chi vince?

Come sostituire le patatine fritte (e in generale gli alimenti fritti)
Sappiamo tutti che il fritto fa male, ed è per questo che salvo rarissime occasioni dovresti optare per delle soluzioni più healty. Il forno in questo senso è tuo amico. Utilizza pure spezie a piacere per rendere i tuoi piatti sempre e comunque gustosi.

Mangiare fuori il sabato sera: cosa ordino dal menù?

Come sostituire il burro
Anche se non siamo amanti del burro (in generale non è un alimento che prediligiamo) possiamo dirti che ci sono numerosi modi per sostituirlo. Sul toast puoi pensare di sostituirlo con l’avocado, oppure la polpa di una banana frullata, olio di semi e perfino la ricotta di capra o caprino. Dipende dall’uso che devi farne.

Come sostituire il burro nelle torte: ecco tutte le alternative valide

Come sostituire i cereali
La notizia che i cereali contengano zucchero, è di dominio pubblico. Sfondiamo quindi una porta aperta nel dirvi che forse i cereali non sono l’opzione ideale se hai bisogno di perdere peso in eccesso. Puoi pensare di sostituirlo con delle soluzioni che contengono meno zucchero, come i fiocchi di avena o la quinoa cotta. Entrambe sono ottimi per la colazione sia dolce che salata.

Happiness bowl di quinoa con avocado e mango

Come sopra indicato, si tratta di semplici accortezze che puoi adottare facilmente nell’alimentazione quotidiana, per diminuire l’apporto calorico qualora dovesse essere questa la tua necessità.
Ti ricordiamo in oltre, che poco calorico, non corrisponde all’idea di poter mangiare i suddetti alimenti in quantità industriale.

Come in tutte le cose, è necessario trovare un proprio equilibrio.

 

I cibi ad alto indice glicemico causano l’obesità

Più del numero delle calorie conta la velocità di assorbimento degli zuccheri

Alimentazione_4556.jpg

Non è necessario essere ossessionati dal bilancio energetico giornaliero. In altre parole, non è tanto importante il numero delle calorie ingerite durante il giorno, ma le caratteristiche nutrizionali di ciò che mangiamo.
Uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition sostiene che il modello carboidrati-insulina spiega meglio l’insorgenza dell’obesità e l’aumento di peso.
David Ludwig, endocrinologo del Boston Children’s Hospital e professore della Harvard Medical School, commenta: “Ridurre il consumo dei carboidrati rapidamente digeribili riduce la spinta a immagazzinare il grasso corporeo. Di conseguenza, le persone possono perdere peso con meno fame e fatica”.
La chiave è quindi cercare di contenere il consumo degli alimenti ricchi di carboidrati con alto indice glicemico. Meglio prediligere quindi le versioni integrali di pane e pasta. La maggiore …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | carboidrati, indice, obesità,

Ora legale, i benefici di bere acqua prima di andare a letto

Migliora la qualità del sonno

Insonnia_5793.jpg

Domenica 28 marzo torna l’ora legale e saremo costretti a dormire un’ora in meno. Quando le ore di sonno diminuiscono rispetto al solito, bere prima di andare a letto fa bene alla nostra salute, migliorando la qualità del sonno.

Mantenere una corretta idratazione e recuperare i liquidi persi, perdere peso e
rimanere in forma, apportare al proprio organismo vitamine e nutrienti, purificare il proprio corpo dalle tossine accumulate: questi soltanto alcuni dei benefici derivanti dal bere acqua prima di dormire.

Secondo uno studio americano, infatti, questa pratica sembra essere davvero efficace per aiutare il proprio corpo non solo a mantenersi sano e forte, ma anche tonico e in forma.

Addominali a Casa: 5 esercizi da fare a corpo libero

Allenare gli addominali a casa è quell’attività che per il momento dovrai rassegnarti a fare finchè le palestre rimarranno chiuse.

Allenandoci da ormai molto tempo, sappiamo che alcuni esercizi funzionano meglio di altri, ad esempio il leg raise alla tower senz’altro è tra questi.

Tuttavia non disperare e inizia o continua ad allenare gli addominali a casa con questi 5 esercizi, che non ti faranno sentire di certo la nostalgia degli allenamenti in palestra

Addominali a Casa: 5 esercizi da fare a corpo libero

Per eseguire l’allenamento degli addominali a casa, ti ricordiamo di verificare di essere nelle condizioni di salute e fitness per poter procedere.

5 esercizi da fare a corpo libero per allenare gli addominali 

Crunch laterali 

  • Sdraiati sul fianco sinistro e poggia il gomito destro a terra
  • Porta la mano destra dietro la testa
  • Solleva le gambe e trova il tuo equilibrio, rimanendo poggiata sul fianco sinistro
  • Piedi uniti e attiva l’addome focalizzandoti sugli obliqui
  • Porta le ginocchia verso il gomito, leggermente in avanti rispetto al busto
  • Stendi le gambe per tornare in posizione di partenza.
  • Esegui il movimento per 3 set e 15 ripetizioni e poi ripetilo dal lato opposto

Tocco dei piedi

  • Sdraiata per terra solleva le gambe in maniera che scendano perpendicolari al bacino
  • Porta le braccia verso l’alto in maniera che siano perpendicolari alle spalle
  • Con un movimento tipo crunch, quindi sollevando le spalle da terra, fai si che le mani arrivino a toccare la punta dei piedi
  • Attenta a non sforzare il collo mentre esegui il movimento
  • Esegui il movimento per 3 set e 15 ripetizioni

Torsioni con gambe sollevate 

  • Seduta per terra solleva le gambe dal suolo e cerca di rimanere in equilibrio sul sedere
  • Unisci i palmi delle mani davanti al petto e con una torsione verso sinistra, gira il busto in maniera tale che le mani arrivino ad altezza del fianco
  • Torna in posizione di partenza ed esegui il movimento dal lato opposto
  • Esegui il movimento in maniera fluida per 3 set da 15 ripetizioni

Crunch a Stella

  • Sdraiata per terra, poggia bene la schiena al pavimento
  • solleva contemporaneamente braccia e gambe e con un movimento simile al crunch porta le ginocchia al petto mentre le braccia “abbracciano” le ginocchia
  • Torna in posizione di partenza senza poggiare le gambe e le braccia a terra
  • Esegui il movimento in maniera fluida per 3 set da 15 ripetizioni

Hip Dip 

  • In posizione plank, ruota leggermente il bacino in maniera tale che il fianco destra arrivi in prossimità del pavimento senza sollevare i gomiti da terra.
  • Torna in posizione di partenza ed esegui il movimento dal lato opposto.
  • Esegui l’esercizio in maniera fluida per 3 set da 15 ripetizioni

 

Esercizi Tabata Training Video Per Perdere Peso in eccesso

Pronte per una bella sudata con gli esercizi tabata training e video tutorial? La risposta immaginiamo essere “Siiiiiiii” perchè nessuno mai si è lamentato di aver eseguito un allenamento. Anche si tratta di allenamento tabata.

Che cos’è il Tabata Training?

Gli tabata training è un protocollo di allenamento ad alta intensità che nella sua versione originaria prevede l’esecuzione dell’esercizio dato per 40 secondi alla massima intensità seguiti da 20 secondi di pausa. Spesso proposto nella versione a circuito, può essere realizzato con pesi o a corpo libero.

Come sempre ti ricordiamo di verificare di essere nelle condizioni di allenamento e salute per poterlo eseguire

Esercizi Tabata Training Video Per Perdere Peso in eccesso

Esegui 8 giri del circuito tabata training ognuno dei quali prevede 8 esercizi da eseguire per 20 secondi alla massima intensità seguiti da 10 secondi di pausa.

Per eseguire l’allenamento tabata avrai bisogno di:

  • asciugamani
  • bottiglietta d’acqua
  • pesetti

Air squat

  • Mantieni il busto dritto e la spina dorsale neutrale
  • Spingi i glutei verso l’esterno, e immagina che ti stai per sedere mentre strizzi i glutei
  • Attiva l’addome mentre esegui l’esercizio e stendi le braccia in avanti per aiutarti nell’attivazione muscolare e con l’equilibrio
  • Le gambe dovrebbero essere divaricate in maniera tale che l’apertura sia uguale alla distanza tra le spalle, talloni fermamente piantati per terra.

Push up 

  • Mettiti con la pancia piatta al suolo, il peso dovrebbe essere sul petto.
  • Posiziona le braccia a larghezza spalle con i palmi che fanno pressione sul suolo.
  • I gomiti devono essere rivolti verso i piedi. Molto importante è assumere una posizione che ti permetta di eseguire l’esercizio.
  • Se sei già un po’ allenata, puoi provare a distendere le gambe all’indietro facendo pressione sull’avampiede.
  • Se invece ti stai approcciando per la prima volta all’esercizio, puoi portare all’indietro le gambe e fare leve sulle ginocchia. In entrambe i casi, la posizione della parte superiore non cambia.
  • A questo punto solleva il corpo supportato delle mani e dai piedi o ginocchia. Cerca di tenere una posizione retta con la schiena, contrai gli addominali e attenta a che i fianchi non si muovano.
  • Una volta eseguito il movimento ritornare nella posizione di partenza.

Sit up

  • Seduta per terra impugna il kettlebell dalla maniglia oppure reggi tra le mani una cassetta d’acqua
  • Sdraiati e, stendendo le braccia, porta in alto il peso che hai deciso di utilizzare per eseguire l’esercizio
  • Divarica leggermente le gambe e metti il piede a martello
  • Con un movimento controllato e attivando l’addome, ricordandoti di non sforzare il collo, porta verso l’alto il kettlebell.
  • Una volta raggiunto l’apice del movimento torna, in maniera controllata in posizione di partenza.
  • Ripeti il movimento per il numero di ripetizioni indicate

Row

  • Impugna i due manubri (o nel caso due bottiglie d’acqua)
  • Con un movimento a cerniera porta il busto in posizione parallela al pavimento
  • Gambe leggermente piegate, addome e glutei attivi.
  • Porta la mano destra verso il petto, ed esegui il movimento puntando il gomito indietro e distendilo
  • Esegui il movimento dal lato opposto e così via.

Affondi 

  • E’ la variante più “funzionale” degli affondi, tuttavia è un esercizio difficile da eseguire, quindi parti dagli affondi alternati, per poi arrivare all’esecuzione di questo esercizio.
  • Come nelle precedenti varianti il movimento deve essere controllato, spina dorsale dritta, peso sui talloni.
  • Abbassa il corpo fino a che sia la gamba destra che quella sinistra formino un angolo di 90°. Tieni la posizione e fai un passo in avanti.

Press

  • In piedi impugna due manubri oppure due bottiglie d’acqua
  • Porta le mani all’altezza delle spalle e gomiti che puntano verso il bassi
  • Stendi le braccia con un movimento deciso verso l’alto
  • Tieni attivo l’addome e non inarcare la schiena
  • Riporta le mani in posizione di partenza controllando quanto più possibile il movimento

Jumping Jacks

  • In piedi con un saltello divarica le gambe e contemporaneamente porta in alto le braccia
  • Ritorna in posizione di partenza con un saltello chiudendo le gambe e contemporaneamente portando in passo le braccia
  • Ripeti l’esercizio per 20 secondi eseguendolo quanto più possibile in maniera fluida

Skip 

  • In piedi solleva una gamba e poi un’altra in un movimento continuo
  • Attiva l’addome e tieni basse le spalle
  • Se ti riesce prova a sollevare le ginocchia all’altezza della vita
  • Ripeti l’esercizio per 20 secondi eseguendolo quanto più possibile in maniera fluida

 

Allenamento ad alta intensità tonifica e rassoda

Ci sono dei giorni in cui ti senti particolarmente motivata ed in forma che hai la forza d’animo di affrontare un allenamento ad alta intensità con un obiettivo ben preciso quello di tonificare, rassodare ma anche aumentare la forza e la resistenza.

L’allenamento ad alta intensità è particolarmente indicato in primis quando le condizioni fisiche e di salute lo permettono, ma soprattutto quando si vuole perdere peso in eccesso (sotto supervisione medica e di uno specialista) e quando si vuole aumentare la massa magra.

L’allenamento proposto di seguito dal nostro coach Alfredo Vicinanza, è un allenamento che strizza l’occhio al crossfit, va eseguito in palestra e la scelta dei pesi va tarata in base alle proprie capacità e possibilità fisiche. Come ricordiamo sempre, la scelta del peso va definita in base alla propria capacità di realizzare l’allenamento in forma corretta pure mettendo il proprio corpo alla prova.

Inoltre per questa tipologia di allenamento ti suggeriamo di utilizzare anche un tracker per avere un’idea generale di quante calorie effettivamente riesci a bruciare durante l’allenamento.

Come eseguire l’allenamento ad alta intensità tonifica e rassoda

L’allenamento si struttura in 4 Round in cui troveremo 600 metri di corsa (che possono essere eseguiti sul tapis roulant) a 3 esercizi di rinforzamento muscolare. Importante inoltre avere a portata di mano una bottiglietta d’acqua, per garantirsi l’idratazione soprattutto se la temperatura è alta e cercare di evitare di allagare lo stomaco.

L’allenamento ad alta intensità va eseguito con un bilanciere e possibilmente cronometrato. Inoltre l’allenamento non prevede pause tra i round. Se non dovessi riuscire ad eseguire l’allenamento senza pause, prenditi pure la pausa che serve evitando però di raffreddare i muscoli.

Allenamento ad alta intensità tonifica e rassoda

1° ROUND 

600 mt di corsa

7 Power Clean

 

Visualizza questo post su Instagram

 

The Power Clean And Jerk #alfredovicinanzapersonaltrainer #nevergiveup #functionaltrainer #functionalfitness #powercleanandjerk #weightlifting #barbelltraining #stayhealthy #workout #sports #determination #amazing #december #goon #amazing #repost #istalike #salerno #italy

Un post condiviso da __AlfredoVicinanza 🇮🇹__ (@alfredo.personaltrainer) in data:

14 Press

28 Deadlift

2° ROUND

600 mt di corsa

6 Power Clean

12 Press

24 Deadlift

 

3° ROUND

600 mt di corsa

5 Power Clean

10 Press

20 Deadlift

 

4° ROUND

600 mt di corsa

4 Power Clean

8 Press

16 Deadlift