Dieta GOLO, regime proteico low carb: benefici e criticità

La dieta GOLO è stata messa a punto dal dottor Keith Ablow, psichiatra statunitense nonché autore di libri e programmi di dimagrimento. Questo programma, nello specifico, promette di far perdere ben 10 chili nell’arco di tre mesi. Il principio di base è un acceleramento del metabolismo, da cui trarre notevoli benefici e vantaggi, in termini di perdita di peso. Il programma, inoltre, mira a stabilizzare i livelli di insulina e zuccheri nel sangue, responsabili del cambio peso in molti soggetti. In più, ha come parte integrante del programma l’attività fisica. Si tratta, però, di un programma costoso, perché richiede l’acquisto di prodotti specifici.

Dieta GOLO nel dettaglio

La dieta Golo è una dieta low carb: un regime proteico con pochi carboidrati associato a integratori (per aumentare la sensibilità insulinica e ridurre il senso di fame) ed esercizi fisici ad alta intensità (HIIT training).

Gli alimenti consentiti sono diversi. Si varia dalle uova al pesce ai frutti di mare, ma anche latticini scremati e carne rossa magra. Pochi i carboidrati ammessi, solo 100 grammi a pasto, a scelta tra patate, fagioli, mais, zucca e vari tipi di frutta come fragole, ciliegie, agrumi, kiwi, melone. Sì a tutte le verdure e l’unico dolcificante consentito è la stevia. Per quanti riguarda i grassi, solo 10 grammi a pasto: noci, olio di oliva, olio di cocco, cacao amaro, semi di chia, semi di lino, semi di canapa.

Sostanzialmente la suddivisione dei pasti prevede:

  • colazione;
  • snack;
  • pranzo (preceduto dall’assunzione dell’integratore);
  • merenda (preceduta da un altro integratore);
  • cena (preceduta da un altro integratore).

Dopo la colazione o dopo la merenda sono previsti 20 minuti di attività fisica ad alta intensità.

Del programma fa parte un integratore specifico (GOLO release), della cui effettiva necessità gli esperti non sono sicuri. L’azienda lo sponsorizza come parte integrante del percorso, come elemento che lo differenzia dalle altre diete. Si tratta di un integratore a base principalmente di zinco, magnesio e cromo, privo di glutine e dei principali allergeni. Purtroppo si tratta di un integratore molto costoso.

Benché la dieta sia sana dal punto di vista alimentare, perché varia e ricca di cibi integrali e nutrienti, nonché basata sull’esercizio fisico, è comunque priva di fondamenti scientifici. Le uniche dichiarazioni disponibili (anche sul sito ufficiale del programma) sono quelle di chi ha provato la GOLO diet. C’è però una dichiarazione della Food and Drug Administration (FDA) che spiega: “GOLO non è destinato a diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia e non è stato valutato dalla FDA”.

Difficile dire, dunque, se il dimagrimento riscontrato nei soggetti sottoposti a dieta GOLO sia dovuto al programma complessivo, al famigerato integratore o semplicemente alla combinazione di dieta equilibrata ed attività fisica regolare.

Spinning per glutei e cosce iper definiti: ecco tutti i benefici

Che cosa si intende quando di parla di spinning e quali sono i benefici nel praticarlo? Lo spinning altro non è che un allenamento su cyclette associato a una musica ritmata. Si tratta di una disciplina di cardio training che vede le sue origini negli anni Novanta. Si tratta di simulare una pedalata con varie pendenze in palestra oppure a casa. Vediamo come si pratica questa disciplina e quali sono i benefici spinning.

Spinning: come si pratica?

L’allenamento spinning si pratica su una cyclette in cui la velocità che si riesce a dare alla pedalata è direttamente influenzata dalla resistenza del freno sul volano. Con lo spinning si bruciano molte calorie e si torna in forma grazie al grande sforzo fisico che una sessione di questa disciplina richiede. Come si pratica? Innanzitutto, prima ancora di iniziare, occorre controllare che la bici sia tarata sulla tua altezza sia per quanto riguarda la sella che per quanto riguarda il manubrio. Una lezione di spinning può durare dai 45 ai 60 minuti e comprende tre fasi: riscaldamento, fase centrale e defaticamento. La fase centrale è quella in cui il cuore pompa ed è maggiormente in attività. A seconda delle indicazioni dell’istruttore si alternano fasi con frequenza cardiaca elevata e picchi modesti così come pianure e pendenze. Sono previste una serie di andature principali durante una sessione di spinning: andatura in piana seduto, altrimenti detta posizione di base; salita da seduto, in cui le mani stanno sul manubrio e il bacino leggermente indietro per facilitare la salita; pedalata in piedi, che prevede di pedalare in piedi con il busto in avanti per le salite.

Benefici spinning: perché sceglierlo per rimanere in forma

Lo spinning presenta una serie di benefici non da poco quando lo si pratica in maniera regolare. I vantaggi non sono solo a livello fisico ma anche a livello psicologico. Quali sono i miglioramenti? Vediamo insieme la lista di benefici spinning:

  • praticandolo il corpo è più tonico a partire dalle gambe e dai glutei;
  • il consumo energetico è molto elevato;
  • aumenta la resistenza grazie ai picchi di frequenza cardiaca;
  • il rilascio delle endorfine contribuisce a diminuire lo stress e aiuta a gestire l’ansia;
  • il cuore diventa più forte e i battiti cardiaci si abbassano quando è a riposo;
  • migliora la ventilazione polmonare.

Giocare a tennis per un fisico tonico e asciutto

Perché giocare a tennis? Per i benefici! Il tennis è senza dubbio uno sport non solo divertente e che permette di scaricare lo stress ma che dona anche un fisico bello asciutto e muscoli super tonici. La ragione? Giocando a tennis si bruciano moltissime calorie. Inoltre vengono prodotte endorfine (ormoni del buonumore). Vediamo ora qualche nozione in più su questo sport e quali sono i più importanti benefici tennis da tenere bene a mente quando si prende in considerazione di iniziare con questo sport.

Tutto quello che c’è da sapere sul tennis

Il tennis fa parte di quelle attività fisiche che puntano tutto sul gioco e sulla competizione. In generale si tratta di uno sport non economico che richiede ore e ore di lezione per dare i suoi frutti. Come si capisce se si ha talento nel giocare a tennis? Serve innanzitutto una buona coordinazione e la voglia di dedicare tanto tempo all’attività per notare i miglioramenti. Per imparare a giocare bene serve un buon maestro; a quel punto nulla potrà fermarvi. Se volete rimanere a un livello amatoriale giocare a tennis è comunque un’ottima scelta per dare una bella forma al vostro fisico e avere muscoli sempre tonici e scattanti. Vediamo, nel dettaglio, i benefici tennis.

Benefici tennis: perché scegliere questo sport per avere un bel fisico

Il tennis è uno sport che regala moltissimi benefici considerato che fa bruciare molte calorie e tonifica i muscoli. I miglioramenti maggiori di ottengono per quanto riguarda i muscoli dei glutei e, essendo uno sport competitivo, il vantaggio è anche che si gioca non rendendosi conto del tempo che passa. Vediamo nel dettaglio i benefici tennis:

  • massima definizione dei muscoli: il tennis è fatto di fasi di gioco intende e veloci che coinvolgono l’intero corpo. I risultati sono visibili e si traducono in una muscolatura tonica di addome, schiena, spalle e glutei;
  • migliore salute del cuore: la salute del cuore migliora se lo si pratica con regolarità. almeno tre ore a settimana, con la conseguente diminuzione del rischio di contrarre malattie cardiovascolari;
  • si bruciano grassi: nel corso di una partita si corre dai 5 agli 11 km, quindi il dispendio energetico è molto alto. Mediamente si lavora al 70% della frequenza cardiaca massima, che è il miglior range per bruciare grassi, e si consuma addirittura di più che facendo nuoto;
  • migliora l’attenzione: le capacità cognitive sono costantemente allenate giocando a tennis;
  • migliora i tempi di reazione: per essere un bravo giocatore di tennis è necessario saper anticipare le mosse dell’avversario e reagire per tempo all’attacco;
  • migliora l’agilità: importantissima è la coordinazione occhio-mano, nel tennis, e anche l’agilità con la quale si segue un oggetto. Da questa caratteristica si possono trarre anche benefici nella vita di tutti i giorni;
  • rafforza le ossa: giocare a tennis migliora lo stato delle ossa e, di conseguenza, diminuisce le possibilità di soffrire di osteoporosi andando avanti con l’età.

L’Hiv e i problemi al cervello

In un quarto dei casi si registrano disturbi di tipo cognitivo

Varie_2819.jpg

Negli ultimi anni l’inizio precoce della terapia antiretrovirale e l’uso di nuove combinazioni di farmaci, in particolare gli inibitori delle integrasi, ha portato a un miglioramento dell’efficacia del trattamento anti HIV, nonché della sicurezza e dell’aderenza stessa.

Nonostante il controllo sistemico dell’infezione e i nuovi risultati nella terapia, l’infezione del sistema nervoso centrale può giocare un ruolo chiave all’interno di questa importante battaglia. L’infezione cronica di alcune cellule del sistema nervoso centrale, infatti, richiede diverse e nuove strategie di controllo.

Il virus Hiv, per sua natura, si può rifugiare nel sistema nervoso centrale. Tale presenza può produrre nel tempo patologie anche degne di rilievo.

Metabolismo basale: 6 regole d’oro per aumentarlo

Cos’è il metabolismo basale e come si può aumentare questo valore? Partiamo innanzitutto dalla definizione metabolismo basale, altrimenti detto tasso metabolico basale e abbreviato con la sigla BMR. Il metabolismo basale, in parole semplici, indica la quantità di energia che è necessaria ogni giorno per garantire il funzionamento di tutti i processi dell’organismo che ci mantengono in vita (la respirazione, il battito del cuore). Il calcolo del metabolismo basale risulta necessario quando si pianifica una dieta e si vuole perdere peso poiché permette di assumere meno calorie di quelle che si riescono a bruciare. Vediamo nello specifico quali sono i fattori che influenzano il metabolismo basale e qualche consiglio per aumentare il dispendio energetico e dimagrire più velocemente.

Aumentare metabolismo basale: quali fattori influenzano il dispendio energetico dell’organismo?

Il metabolismo basale è un valore che oscilla tra il 50% e il 70% dell’energia totale consumata; buona quantità dell’energia che ogni giorno spendiamo, quindi, viene utilizzata per mantenerci in vita.
Da cosa dipende il metabolismo basale? Come in tutti i meccanismi del corpo umano questo valore viene influenzato da diversi fattori come l’età (più si invecchia più il metabolismo basale cala); gli ormoni; l’altezza (chi è più alto consuma di più); la massa magra (il metabolismo dei muscoli è maggiore rispetto a quello della massa grassa); la temperatura esterna; l’alimentazione (qualità e quantità del cibo ingerito, il numero di pasti al giorno); assunzione di farmaci; l’attività fisica (aumenta il metabolismo basale).

Aumentare il metabolismo basale: qualche consiglio

Come si fa ad aumentare il metabolismo basale? Capita spesso che ci vuole dimagrire velocemente se lo chieda, considerato che è un valore che è necessario conoscere per avere successo nella perdita di peso. Partiamo dal fatto che per accelerare il metabolismo basale e mantenerlo attivo è necessario combinare una serie di comportamenti virtuosi e mantenerli nel tempo. Vediamo quali sono i consigli per aumentare metabolismo basale:

  • mai saltare i pasti: per mantenere attivo il metabolismo è necessario che il corpo abbia sempre qualcosa da bruciare, soprattutto in vista delle giornate di allenamento;
  • bere molta acqua: mantenere il corpo costantemente idratato garantisce un metabolismo basale più attivo;
  • riposare il giusto numero di ore: anche dormire è importante per il metabolismo basale poiché la privazione del sonno può portare a un malfunzionamento del modo in cui il corpo utilizza il glucosio o a variazioni di alcuni ormoni (grelina, leptina e cortisolo) che influenzano appetito e metabolismo;
  • ingerire abbastanza kcal: se il corpo non riceve cibo il metabolismo basale tende ad abbassarsi per garantire la sopravvivenza. Per evitare che si inneschi questo meccanismo è necessario, in media, assumere almeno 1.800 kcal al giorno per gli uomini1.200 kcal al giorno per le donne;
  • preferire le proteine nell’alimentazione: per digerire il corpo deve consumare energia e le proteine sono il nutriente che, per essere demolito e digerito correttamente, richiede il maggior dispendio energetico; nutrizionista
  • fare attività fisica costante: l’attività aerobica combinata con gli esercizi di tonificazione stimola la crescita della massa magra; il tessuto muscolare è quello che, a livello metabolico, è più attivo nel corpo.

Quando la pelle soffre, tre modi per farla tornare giovane

Importante il benessere complessivo della cute

Cura della pelle_3802.jpg

Sole, smog e stili di vita non corretti agiscono sullo stato di salute della pelle, indebolendo la sua funzione di barriera contro gli agenti esterni e invecchiandola.

«Avere una pelle sana significa non solamente poter fare affidamento su una buona difesa, ma anche avere un aspetto più giovane», osserva Patrizia Gilardino, medico estetico di Milano. «Prendersi cura della propria pelle però non è una cosa che possiamo fare saltuariamente: occorre un approccio globale e quotidiano che passa dalla scelta di cosa mettiamo in tavola e di come la idratiamo e puliamo. Anche la medicina estetica richiede una visione complessiva. Spesso infatti ci si focalizza su una macchia, una ruga o una leggera lassità e non si considera tutto l’insieme», sottolinea la specialista. «È però importante andare oltre i piccoli inestetismi e intraprendere un percorso di cura».

Massa magra: 4 esercizi con i pesi per tonificare il corpo

Come sempre, ti consigliamo di inserire degli esercizi con i pesi per migliorare il rapporto massa grassa e massa magra. Ecco un allenamento in 4 esercizi che puoi eseguire in palestra. Ti serviranno dei manubri e un bilanciere.

Prova le mosse con pesi leggeri o nel caso del bilanciere, senza aggiungere peso, in maniera tale da abituarti al movimento. Setta l’orologio e inizia l’allenamento vero e proprio. Esegui le mosse nell’ordine stabilito. Passa velocemente da un movimento ad un altro usando lo steso peso per tutti i movimenti. Il che vuol dire che devi scegliere un peso che ti aiuti a completare in maniera confortevole tutti gli esercizi. Se è troppo pesante, diminuiscilo, se è troppo leggero aumenta la velocità di esecuzione. Lo schema di ripetizioni è crescente: vuol dire che ad ogni round aggiungerai ripetizioni, finché non esaurisci il tempo totale (4, 8, 12, 16..)

Il tempo massimo di esecuzione del workout complessivo è di 20 minuti, segna il numero di ripetizioni che riesci a fare e la volta successiva cerca di superarlo.

Press con manubri

  • Questa mossa ti permette di lavorare contemporaneamente glutei, giro vita e spalle.
  • Posiziona uno dei piatti per terra, e inserisci il barbell con una delle estremità nel foro centrale del disco.
  • Tieni con la mano sinistra l’altra estremità del barbell, posizionati dietro al disco adottando una posizione sfalsata con il piede sinistro leggermente indietro e i fianchi e il corpo girati e ad una certa distanza dal barbell.
  • Piega le ginocchia e carica.
  • Successivamente con un movimento esplosivo ritorna in piedi ruotando i fianchi e le spalle verso il bilanciere portandolo in alto fino ad ottenere un’estensione totale del braccio. Lentamente ritorna in posizione di partenza.
  • Esegui tutte le ripetizioni da un lato prima di passare all’altro.

Tempo Back Squat

  • La tecnica “tempo” permette di far lavorare in maniera più efficace i glutei.
  • Posiziona il barbell sopra la parte superiore della schiena e spalle, non sulla noce del collo, e mantienila con le mani posizionate lontano dalle spalle e i gomiti che puntano verso il basso.
  • Allarga le gambe a larghezza spalle, punte dei piedi leggermente rivolte verso l’esterno, addominali ingaggiati.
  • Porta indietro i fianchi e piega le ginocchia lentamente arrivando a performare uno squat dopo un conteggio in 3 tempi.
  • Mantieni lo squat per un conteggio e ritorna in posizione di partenza con un movimento esplosivo, facendo partire il movimento dai talloni.

Shoulder Push Press

  • L’energia che richiede l’esercizio dovrebbe essere sempre concentrata verticalmente.
  • Non buttare in fuori le costole, perchè altrimenti cambieresti il movimento.
  • Tira in dentro l’ombelico e tieni le costole connesse allo stomaco in maniera tale da eseguire un movimento fluido verso l’alto.
  • Mantieni il barbell nella posizione di raccolta sulle spalle, attraverso i deltoidi frontali e la clavicola con le mani posizionate giusto all’esterno delle spalle e i gomiti alzati.
  • Rimani con i piedi allargati a misura spalle, gambe leggermente direzionate verso l’esterno.
  • Affonda per caricare gambe e fianchi, e stendi velocemente, trasferendo l’energia dai fianchi attraverso le braccia spingendo con potenza il barbell verso l’altro, sopra la testa raggiungendo la piena estensione.
  • Lentamente riabbassa il barbell in posizione di partenza.

Sumo deadlift

  • Qui lavorano glutei, interno ed esterno coscia.
  • In piedi, posizionati dietro il barbell con le gambe a dovuta distanza rivolte verso l’esterno e le punte dei piedi sotto il bilanciere.
  • Posiziona le mani sul bilanciere sotto le spalle e porta i fianchi e indietro in maniera che il petto sia sopra il barbell.
  • Porta indietro le scapole, testa e spina dorsale allineate, e non inarcare la noce del collo.
  • Stendi velocemente gambe e fianchi, tieni la schiena piatta e tira su la barra in maniera che rimanga dritta. ritorna lentamente alla posizione di partenza e ripeti.

 

 

Saltare la corda: brucia 200 calorie in 10 minuti

Quali sono i benefici saltare la corda? Se all’inizio si trattava di un allenamento specifico per il pugilato negli ultimi tempi il salto con la corda è uscito dal ring per ingolosire star, modelle e gente comune. La ragione? Si tratta di un’attività che brucia moltissimi grassi. Una persona di 60 kg arriva a consumare fino a 200 kcal saltando per dieci minuti consecutivi. La ragione? Iniziando subito a sudare e elevando il battito cardiaco velocemente si agisce attaccando immediatamente i grassi. Vediamo ora, nello specifico, i benefici dati dal salto della corda.

Benefici saltare la corda: perché scegliere questo workout?

Quali sono gli effettivi benefici del salto con la corda, al di là del fatto che sia o meno alla moda tra le star? Vediamo la lista benefici salto con la corda:

  • bruciare calorie: come già accennato, la corda permette di bruciare moltissime calorie e di liberarsi dei grassi in eccesso. Si rivela un valido esercizio per chi vuole perdere peso;
  • tonificare i muscoli: saltando la corda si attivano i muscoli di tutto il corpo, quelli della parte centrale (addominali), della parte superiore (bicipiti, trapezio) e della parte inferiore (glutei, quadricipiti, femorali, polpacci);
  • migliorare capacità polmonare e di circolazione: l’allenamento con la corda migliora la circolazione del sangue; il cuore pompa meglio e fa circolare il sangue in tutto il corpo riducendo il rischio di un arresto cardiaco. Anche i polmoni, ricevendo una maggiore quantità di aria, sono meno soggetti a manifestare problemi nel tempo;
  • migliorare la resistenza fisica;
  • eliminare tossine: saltando la corda si espellono moltissime tossine attraverso il sudore;
  • scaricare lo stress: il salto della corda, come tutte le attività che richiedono un dispendio energetico, consente di scaricare lo stress e migliora la qualità della vita.

Il salto della corda può essere praticato da tutti, salvo problemi derivanti da malattie cardiovascolari; saltare la corda, infatti, è un’attività che richiede un notevole sforzo fisico e del cuore). Per farlo in maniera corrette è necessario evitare di saltare sui talloni e contrarre la pancia per tutta la durata dell’esercizio; le braccia, inoltre, devono rimanere immobili e lontane dal corpo, con solo i polsi coinvolti nella rotazione della corda. Soprattutto all’inizio è bene evitare di saltare troppo in alto e bisogna fissare dritto davanti a sé.

Allenamento ad Alta Intensità. Brucia 180 calorie in 25 minuti

Che il Sabato non sia particolarmente dedicato all’allenamento in palestra è perfettamente comprensibile. E’ vero che dedicare del tempo a te stessa con una sessione di workout ti fa stare bene, ma è anche giusto avere una o due giornate da dedicare ad altri interessi. Tuttavia se proprio vuoi inserire una mini sessione di allenamento ad alta intensità, potresti provare ad eseguire questo allenamento da portare a termine in 25 minuti.

Come sempre, ti ricordiamo di verificare con il tuo medico, di essere in grado di poter eseguire l’allenamento. 

Questo allenamento ad alta intensità ti permette di bruciare in media 180 calorie. Ovviamente il dato varia da persona a persona, per cui se vuoi essere accurata nella misurazione, puoi utilizzare un cardiofrequenzimetro. Ti ricordiamo in fine di portare a termine l’allenamento anche se non rispetti l’arco temporale dei 25 minuti. Se hai bisogno di prendere delle pause tra un esercizio e un altro, fallo pure.

Tieni a portata di mano una bottiglietta d’acqua, è fondamentale rimanere idratati anche durante l’allenamento.

Allenamento ad Alta Intensità. Brucia 180 calorie in 25 minuti

Corsa: 1.9km. E’ qui che brucerai la maggior parte delle calorie. Abbiamo calcolato che impostando una velocità media di 9.3 circa sul tapis roulant (durante l’allenamento abbiamo un po’ “giocato” con la velocità e dunque l’intensità) vengono bruciate circa 150 calorie in 12 minuti. Anche qui il calcolo è approssimativo, e ovviamente varierà da persona a persona.

50 burpees. Lggi anche 3 esercizi alternativi ai burpees se non ti piace eseguirli o sei alle prime armi

50 russian sit up. Il russian sit up può essere eseguito con una varietà di attrezzi: kettlebell, bumper, palla medica. Noi abbiamo utilizzato un kettlebel da 10 kg. Il consiglio è quello di attenersi ad un peso che premetta di eseguire l’esercizio in maniera corretta ma che nel contempo metta alla prova. Attieniti in ogni caso in un range che va dai 5 ai 10 kg.

50 knees to elbow. L’esercizio richiede diverse capacità per essere eseguito. Non è un esercizio facile da eseguire soprattutto ad alta velocità. In questo caso è necessario una barra da pull up per eseguirlo. Dovrebbe essere eseguito in maniera quanto più fluida possibile. Ma se non ti sei mai approcciata all’esercizio asseconda quelle che sono le necessità e le capacità del tuo corpo.

5 modi per rendere più efficace il tuo allenamento in palestra

Settembre è iniziato da un pezzo e siamo certe che hai già ripreso il tuo allenamento in palestra. Sia che rientri o meno nella ristretta cerchia di coloro che sono riuscite ad ottenere ottimi risultati in palestra, c’è sempre spazio per migliorare.

Ecco quindi 5 consigli da tenere a mente per rendere più efficace il tuo allenamento in palestra. 

Mantieni il controllo o meglio organizza il tuo allenamento. L’80% delle persone sostiene che organizzare il proprio allenamento permette di raggiungere performance migliori. Sapere la tipologia di allenamento da affrontare, piuttosto che il carico da utilizzare, ti permette di risparmiare tempo e di iniziare il tuo allenamento in palestra con il giusto mindset.

Cerca di essere realista. Un allenamento efficace che si rispetti, richiede un approccio realista, nel determinare la qualità e la quantità. Spesso e volentieri si incorre nella voglia di strafare, con l’idea sbagliata di raggiungere quanto prima i risultati sperati. Nulla di più sbagliato. E non farti prendere dal desiderio di emulare le tue fitness model preferite, rischieresti solamente di farti male.

Allenati con un amico. Se nel tuo budget non rientra un personal trainer, hai un’altra possibilità ovvero quella di allenarti con un’amica. Alcune ricerche dimostrano che allenarsi con un amico aumenta la tua autostima in palestra e la tua capacità di attenerti all’allenamento. A tutto vantaggio dell’efficacia.

Ascolta una musica che ti dia grinta. Alcune ricerche dimostrano che un sottofondo con un basso predominante, durante l’allenamento ti aiuterebbe ad allenarti con maggiore grinta. Crea una playlist prima di allenarti e attieniti ad essa, senza perdere tempo a cercare la base adatta.

Se la tua palestra è troppo affollata, cerca di andare negli orari più tranquilli. Visto che il luogo comune dell’allenamento dei 3 giorni di allenamento è più popolare di quanto si creda, tutti vanno in palestra dalle 18:00 alle 20:00. Se sei determinata a raggiungere i tuoi obiettivi, e la folla ti distrae o ti fa perdere tempo, cerca di ritagliarti il tempo che ti serve in orari alternativi.