Consigli alimentari per la fertilità

Alimentazione e procreazione medicalmente assistita

Varie_888.jpg

“Quando si ricerca una gravidanza, che sia naturale o tramite un percorso di Procreazione Medicalmente Assistita, le abitudini alimentari e gli stili di vita sono fondamentali per aumentare le possibilità di concepimento e la nascita di un bambino sano”, spiega la dottoressa Raffaella Borroni, Coordinatore clinico del Centro di Procreazione Medicalmente Assistita della Casa di Cura La Madonnina di Milano, parte del Gruppo San Donato, che opera in partnership con Clinica Eugin. “Una dieta non equilibrata e una massa grassa corporea non adeguata influiscono negativamente sulla qualità dei gameti, sia nella donna che nell’uomo. Inoltre, un peso corporeo non adeguato può comportare una risposta anomala alle terapie di induzione farmacologica dell’ovulazione utilizzate nel corso della PMA e si traduce nell’aumento del numero dei cicli necessari per raggiungere la gravidanza. Da ultimo, con alcuni …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | alimentazione, fertilità, gravidanza,

Fertilità, le 6 cose da sapere

I consigli per preservare la fertilità femminile

Gravidanza_6839.jpg

Nei primi nove mesi del 2021 in Italia, secondo i dati ISTAT, sono nati 12.500 bambini in meno rispetto all’anno precedente, a fine anno gli abitanti sono scesi sotto i 59 milioni e a metà secolo i morti saranno il doppio dei nati.
La denatalità è fortemente connessa a fattori sociali e culturali ed è necessario sensibilizzare ancor più le coppie in merito ai tempi della vita fertile. Ne parliamo con la dottoressa Ilaria Caliari del Centro di Medicina delle Riproduzione Biogenesi
Mutano le esigenze e le abitudini sociali e con esse anche il progetto di maternità e di famiglia. Una volta la famiglia veniva costituita presto e le gravidanze si conseguivano in giovane età, ma le necessità di studio e carriera, la maggiore difficoltà a trovare un partner o un lavoro stabile portano sia le donne che le coppie a posticipare la gravidanza. Capita inoltre ancora molto spesso che, anche a …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | fertilità, ovuli, ovociti,

Technogym e Dior limited edition per gli amanti del wellness

Technogym e Dior limited edition segna la collaborazione tra due grandi brand wellness dedicata gli amanti del wellness e del lusso.

La linea, prodotta in Italia al Technogym Village, riflette il comune impegno di diffondere nel mondo uno stile di vita in grado di combinare esercizio fisico e stile, per motivare le persone a vivere una vita più sana e più felice 

Technogym e Dior limited edition per gli amanti del wellness 

I prodotti Technogym e Dior limited edition saranno disponibili presso le boutique Dior da Gennaio 2022, in tutto il mondo e comprenderanno

TECHNOGYM MY RUN FOR DIOR 

Il tapis roulant compatto e silenzioso che si connette al tuo tablet e ti offre un’ampia gamma di allenamenti on-demand per il running ed il walking. Semplicemente posizionando un tablet sulla console di MYRUN potrai scegliere l’allenamento on-demand del tuo trainer preferito. 

Technogym e Dior limited edition segna la collaborazione tra due grandi brand wellness dedicata gli amanti del wellness e del lusso
Technogym e Dior limited edition segna la collaborazione tra due grandi brand wellness dedicata gli amanti del wellness e del lusso

TECHNOGYM BENCH FOR DIOR 

L’innovativa panca che ti offre la massima varietà di esercizi in poco spazio. Technogym Bench comprende una serie di manubri, elastici e knuckles che ti permetteranno di eseguire oltre 200 esercizi grazie all’ampia libreria di allenamenti on-demand accessibili su Technogym App. 

TECHNOGYM BALL FOR DIOR 

Ti stimola a muoverti costantemente anche quando sei seduto. Technogym Ball è al tempo stesso una seduta ed un wellness tool che ti consente di svolgere un programma completo di esercizi per la flessibilità, la tonificazione e l’equilibrio. 

Neurochirurgia durante il parto

Una donna affronta una delicata operazione mentre partorisce

Varie_7138.jpg

Nei giorni scorsi sono state salvate mamma e neonata presso la Neurochirurgia dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino. Infatti, mentre la mamma veniva sottoposta a intervento neurochirurgico in urgenza, in contemporanea per salvare la bimba che aveva in grembo è stata fatta partorire grazie a un parto cesareo, che ha permesso di salvare la neonata, grazie all’intervento combinato di neurochirurghi, ginecologi, ostetrici e neonatologi.
La giovane donna di 33 anni, gravida alla 31° settimana, era stata trasferita presso la Città della Salute di Torino con riscontro improvviso di una lesione cerebrale che metteva in pericolo la sua vita.
La gravidanza era decorsa in modo fisiologico fino a quel momento, con benessere di mamma e feto.
La paziente, che fino a quella mattina stava bene, aveva iniziato ad avvertire una cefalea sempre più intensa con rapido peggioramento …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | parto, cesareo, neurochirurgia,

Babbo Natale, dire o no la verità ai bambini?

Pareri discordanti da parte degli esperti

Varie_6806.jpg

È la notte di Natale e per i bambini è soprattutto la notte di Babbo Natale, che accompagnato dalle sue fedeli renne gira il mondo per distribuire regali. Fino a quando è normale credere alla leggenda di Babbo Natale? Ed è giusto o no incoraggiare la credenza? Se lo chiedono tanti genitori, che possono contare anche su un piccolo numero di ricerche sul tema.
Alcuni pensano che assecondare l’idea che Babbo Natale esista veramente finisca per rendere i bambini troppo ingenui e impreparati al prosieguo della vita. Non è di questo parere la psicologa Alison Gopnik, che spiega: «Quando i bambini “fanno finta di”, esercitano una capacità cruciale da un punto di vista evolutivo: quella di figurarsi modi alternativi in cui la realtà potrebbe essere».
Si tratta di un esercizio che allena la capacità di ragionamento controfattuale. Pensare a come possa Babbo Natale fare il giro del mondo in una …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | natale, babbo, domande,

Diabete infantile, cos’è e come comportarsi a scuola

I consigli del pediatra diabetologo

Diabete_1053.jpg

Il diabete di tipo 1 colpisce i bambini ed è importante gestirlo adeguatamente anche a scuola.
Il diabete di tipo 1 è una malattia cronica, che accompagnerà il bambino per tutto il corso della sua vita. È pertanto fondamentale che tutti gli attori della sua quotidianità siano preparati a supportarlo nella gestione della malattia. Riccardo Bonfanti, pediatra diabetologo dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, ci aiuta a capire come gestire la malattia.
Il diabete è una malattia autoimmune che, oltre agli adulti, può colpire anche i più piccoli. In particolare, è proprio il diabete di tipo 1 ad interessare prevalentemente i bambini e i giovani adulti. Infatti, questa tipologia di diabete insorge maggiormente tra i 6 mesi e i 30 anni di età, con due picchi:

– intorno ai 5 anni;
– tra i 10 e i 12 anni, con lo sviluppo puberale.

L’esordio del diabete, essendo in prossimità …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | diabete, bambino, glicemia,

Cosa c’è dietro il ricambio neuronale

Decifrato il software che regola il rinnovamento del sistema nervoso

Varie_6395.jpg

Il ricambio neuronale è fondamentale per lo sviluppo, la conservazione e il rinnovamento del nostro sistema nervoso. È finemente regolato da stimoli contrapposti, che possono sostenere la sopravvivenza dei neuroni o indurne l’apoptosi, un suicidio cellulare geneticamente programmato. La disfunzione dei meccanismi molecolari coinvolti nel ricambio neuronale è alla base di condizioni patologiche e può causare difetti dello sviluppo, tumori o malattie neurodegenerative.
“È da tempo che siamo sulle tracce dei meccanismi che governano la vita e la morte dei neuroni”, afferma Sebastiano Cavallaro, dirigente di ricerca dell’Istituto per la ricerca e l’innovazione biomedica (Cnr-Irib), responsabile del laboratorio di genomica a Catania e coordinatore della ricerca pubblicata sulla rivista Cells, “Abbiamo per la prima volta decifrato l’insieme delle istruzioni che controllano questi …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cervello, neuroni, apoptosi,

Idratarsi aiuta il buon umore

Stato d’animo migliore grazie a un adeguato apporto d’acqua

Varie_6542.jpg

L’acqua rappresenta una vera e propria alleata delle persone nella vita di tutti i giorni, non solo da un punto di vista fisico ma anche psicologico. È stata, infatti, dimostrata la correlazione fra una corretta idratazione e lo stato del proprio umore, dovuta, in primis, al fatto che il nostro tessuto cerebrale è costituito per circa l’85% da acqua.
“Una buona idratazione, oltre a essere fondamento del benessere del nostro organismo in generale, rappresenta un importante indice di un corretto equilibrio dell’umore” – spiega il professor Umberto Solimene dell’Università degli Studi di Milano ed esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino – “L’acqua facilita il trasporto di triptofano – l’aminoacido che viene convertito nel cervello in serotonina – aumentando quindi il livello di questa sostanza nel nostro corpo e limitando di conseguenza anche il cattivo umore. Inoltre, come sostenuto da F. …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | acqua, idratazione,

Ritardare il taglio del cordone per proteggere i prematuri

Un minuto di attesa riduce il rischio di disabilità e di morte

Neonati_6082.jpg

Bastano 60 secondi di attesa prima di tagliare il cordone ombelicale per aumentare la speranza di vita dei nati prematuri. Ad affermarlo è uno studio pubblicato su The Lancet Child and Adolescent Health da un team della University of Sydney.
Ritardare di un minuto il taglio consente una riduzione del 17% del rischio di disabilità, del 15% di quello di una trasfusione e del 30% del rischio di morte.
Il trial è durato 2 anni ed è stato coordinato da William Tarnow-Mordi, che spiega: “Pensiamo che ritardando il taglio del cordone ombelicale i neonati riescano ad ottenere un maggior numero di globuli rossi e bianchi e di cellule staminali dalla placenta, aiutandoli a raggiungere un buon livello di ossigeno, controllare infezioni ed eventuali lesioni ai tessuti”.
Nei nati a termine, ormai, la leggera attesa nel taglio del cordone è procedura standard, ma nei prematuri c’era il dubbio su …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | neonati, prematuri, cordone,

Niraparib per il carcinoma ovarico

Primo Parp inibitore indicato per la terapia di mantenimento

Tumore ovarico_3353.jpg

Non esiste uno screening e i sintomi sono spesso aspecifici: gonfiore addominale, dolore pelvico, bisogno frequente di urinare, inappetenza. Per questo riconoscere un carcinoma ovarico in fase iniziale non è semplice e la prevenzione e l’informazione giocano un ruolo fondamentale.
L’avvento negli ultimi anni dei PARP inibitori ha cambiato il paradigma terapeutico del carcinoma ovarico e di conseguenza le prospettive e la qualità di vita delle pazienti. Una piccola rivoluzione che oggi fa registrare un ulteriore decisivo passo in avanti.
Niraparib, il PARP inibitore di GSK, è stato approvato anche in Italia per il trattamento di mantenimento in prima linea in monoterapia per le pazienti con carcinoma ovarico epiteliale di alto grado avanzato (FIGO Stadio III e IV), alle tube di Falloppio o peritoneale primario, in risposta completa o parziale dopo chemioterapia a base di sali di …  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | niraparib, tumore, ovaio,