Tumore della vescica, atezolizumab e chemio

Primi risultati positivi dalla duplice terapia

Tumore alla vescica_13925.jpg

Sono positivi i risultati sull’utilizzo dell’immunoterapia per la cura del carcinoma della vescica in fase avanzata.

Roche ha presentato infatti i dati associati allo studio IMvigor130, che ha valutato l’efficacia di atezolizumab più chemioterapia a base di platino rispetto alla sola chemioterapia nel trattamento di prima linea nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico (mUC), non precedentemente trattati.

Nello studio, atezolizumab associato alla chemioterapia ha mostrato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto alla sola chemioterapia a base di platino (PFS mediana=8.2 contro 6.3 mesi; hazard ratio (HR)=0.82, 95% CI: 0.70-0.96; p=0.007).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.